Motociclisti Muvemuni

Eventi, Manifestazioni, Folklore e Spettacolo Muvémuni!!!
 
IndiceHome PageRegistratiNotturna GalleriaFAQAccedi


Condividere | 
 

 La vera storia del saluto tra i motociclisti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
diavolomt03
Augh! Muvemuni!!!
Augh! Muvemuni!!!
avatar

Messaggi : 273
Data d'iscrizione : 20.02.11
Età : 30
Località : aci catena
Moto Posseduta : mt03

MessaggioTitolo: La vera storia del saluto tra i motociclisti   Gio Giu 23, 2011 6:52 pm

La vera storia del saluto tra i motociclisti

Antico gesto che pare risalga al tempo in cui i cavalieri cavalcavano ancora un sol cavallo per volta e in carne ed ossa.

La leggenda narra infatti di un cavaliere solitario in sella al suo destriero da non si sa quanti giorni, che percorreva in salita un sentiero di montagna in una tranquilla giornata di sole. In alcuni tratti egli godeva nello spronare il suo cavallo per sentire il vento attraverso le fessure della sua armatura per poi rallentare e godersi i rumori del bosco che attraversava. Intanto più in alto e più in là verso l'orizzonte si scorgevano già le torri del castello dove era diretto. Al cavaliere si illuminarono gli occhi dalla gioia.

Quand'ecco scorgere in lontananza ed in direzione contraria la figura di un altro cavaliere che si avvicinava anch'egli felice. Quando i due si incrociarono, quello proveniente dal castello, sollevando la mano destra, con l'indice ed il medio disposti a "V", esclamò: "Mi spiace amico, arrivi 2, la principessa me la son già sc@@@ta io!" e si allontanò al galoppo...

Ecco quindi come è giunto fino a noi, cavalieri di oggi, il gesto di salutarsi con le classiche dita a "V", poiché quello che non saluta, automaticamente impersonifica il cavalier cornuto...


Il Mito vuole che il classico saluto a “v”, che si effettua alzando indice e medio della mano sinistra quando scorgiamo una moto in direzione opposta alla nostra, sia originato da questa storia. Verità o leggenda, a noi non interessa: la storia ha il suo fascino così, sia essa inventata o abbia un fondo di realtà.

Prima di analizzare il perché questo fenomeno stia cadendo in disuso, riportiamo di seguito i modi più comuni per salutare un o una motociclista, in modo tale che sia possibile anche per i novelli centauri salutare e sentirsi parte integrante della grande famiglia su due ruote.

Il saluto più classico, come già accennato, è quello con le dita a “v” : si alzano indice e medio (contemporaneamente, mi raccomando) della mano sinistra e si sporge un pochino fuori il braccio, ove possibile.

Altro saluto molto in voga, è il classico lampeggio: spesso più pratico del saluto a “v”, a volte viene usato in combo con quest’ultimo dai più audaci.

A questi due modi, aggiungiamo il più canonico “colpetto di clacson”, che serve sempre a salutare un altro biker.
Tornare in alto Andare in basso
 
La vera storia del saluto tra i motociclisti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» LA VERA STORIA DEL TENNIS (2° PUNTATA)
» Ecco l’airbag per motociclisti ad attivazione elettronica di Bering
» Un saluto a un caro amico.
» Un saluto da un parmigiano!
» La storia scritta sulle nostre auto

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Motociclisti Muvemuni  :: PIAZZA MUVEMUNI :: Cortiletto muvemuni-
Andare verso: